Festa pagana Disablot: 1 Agosto

Ciao Viandante,
Prima di parlarti della festa pagana Dislabot, t’invito nella mia pagina facebook: https://www.facebook.com/nelsentierodellerune
Il primo Agosto si festeggia ” Disablot”, una festa pagana, appartenente alla fede nordica per onorare le ” Disir”. Ogni famiglia rende onore agli avi appartenenti al genere femminile, questa festa solo la possono onorare le donne. Le Disir sono il gruppo delle divinita’ femminili connesse alle “Matronae”. Il significato di questa parole e’ ” Donne”.
Il Disablot e’ il sacrificio di onorare le Disar, lo spirito di questi culto risiede nella capacita’ della natura di rinnovarsi in continuazione e rigenerarsi costantemente affinche’ la comunita’ possa avere accesso alla fertilita’ ed alla ricchezza per poter sopravvivere. Tale compito veniva affidato alle Disir, queste ultimo sono tutti i nostri avi di genere femminile ( il nostro clan) che proteggono i membri della nostra famiglia. I vivi accendono tutte le candele che hanno in casa e tutte le luci per renderle onore. Le Disir tornano dal mondo dei morti per proteggere la famiglia e assicurarsi che la stirpe continui.
Si offre anche il miglior cibo e le migliori bevande ai Landvaetires o esseri della terra. In questa giornata avveniva anche la benedizione dell’aratro. Si dice che i bambini nati in questo giorno siano un segnale di prosperita’ per l’anno che verra’.
Onorate oggi le vostre antenate.
( Fonte: https://www.somosmedievales.com/post/disablot-1-de-agosto
Traduzione dallo spagnolo di Elisa silvia Coda)
Disablot e’ dunque una festa pagana dedicata non solo alla protezione della famiglie tramite le antenate ma anche una festa connessa all’abbondanza e alla prosperita’, proprio per questo motivo si benedica l’aratro, poiche’ grazie ad esso si poteva lavorare la terra e grazie ad essa avere il cibo per la famiglia. Connessa all’abbondanza e’ anche l’usanza di donare offerte agli esseri della Terra , senza quest’ultima non era possibile sfamare la famiglia.
Una visione che covremmo riprendere anche ora, ringraziare la Terra per quello che ci dona ogni giorno, tornare a tali usanza ci permette di tronare alle nostre radici. Le fragole che compri al supermercato le puoi avere perche’ e’ la Terra che te le dona e quindi, perche’ non ringraziarla?
E’ grazie alle tue antenate che sei qui, perche’ non onorarle?
Riprendiamo il contatto con i valori della famiglia e della Terra per incominciare a piantare i semi di un mondo migliore.
Con profondo rispetto, Elisa

%d bloggers like this: